venerdì, novembre 16, 2018

Il branco

In caso di atti efferati l’essere umano viene definito bestia, e nel caso questi atti siano compiuti da più persone, il gruppo diventa un branco. Come se l’animale umano mutasse specie nel momento in cui manifesta atti particolarmente cruenti. Eppure un branco di bestie, ovvero di animali non-umani, segue scrupolosamente le leggi naturali, le stesse leggi che permettono la vita sul pianeta, e non commette mai violenze gratuite.

Perché allora assistiamo a questo atto denigratorio?

Il caso dell’aggressività dei cani randagi, soprattutto quando si organizzano in gruppi, è un effetto generato dal comportamento ambivalente dell’essere umano, che prima accoglie e poi respinge. Senza l’adeguato apprendistato per la sopravvivenza in assenza di un supporto umano, ovvero della quotidiana ciotola di pappa, assistiamo al disperato e violento urlo della vita.

L’animale umano è l’unico che sa essere disumano, l’unico che manifesta aggressività immotivata e l’unico che riesce a instillare una simile aggressività anche in altre specie, eppure etichettiamo i nostri esponenti più crudeli come bestie, come se volessimo allontanarli dalla specie umana per restituirli a quella non-umana.

E così il sottile condizionamento psicologico del linguaggio continua, perché se il linguaggio manifesta il nostro pensiero, è anche vero che il nostro pensiero viene influenzato dal linguaggio, soprattutto quando viene imposto.

Articolo precedenteAllevate a terra
Beppe Picaro
Beppe Picarohttp://www.beppepicaro.com
Solamente un cambiamento di coscienza potrà portare il cambiamento necessario che permetterà agli essere umani di diventare veramente umani.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome